Posted by & filed under robotics.

 

MarrTino, codename Capybara (firmware, ROS node) was born a couple of years ago. I was working on a project for one of my last master’s exam (microcontrollers design or stuff like that) and the idea to have a open source and open hardware mobile platform thrilled so much the laboratory team.

During the last months, or maybe year, I worked both on the software and on the hardware side. There is so much to tell about the design of a mobile robot, I will do in the near future (hopefully) but this is not the place nor the moment.

The core of the public event was a kind of agreement between Sapienza University of Rome and Città della Scienza of Naples.  As an example, between many others, of Sapienza contributions to science/technology the robot has brought the agreement to be signed to heads of Rome and Naples. I’ve linked some articles from both national and locals newspapers, sadly, only in italian.

Oh, there’s also a video at the end. I’m the statue in the middle.
20150428_113234

the robots looks at the empy room. The beamer shows the 3d map the robot acquired using the two xtions on its head.


…Si chiama Marrtino ed è il robot ‘ambasciatore’ che oggi ha accolto la delegazione della Città della Scienza di Napoli giunta alla Sapienza di Roma per un accordo che permetterà lo sviluppo di progetti di ricerca comuni. La firma tra i due enti è stata posta da Eugenio Gaudio, rettore della Sapienza, e Vittorio Silvestrini, presidente di Città della Scienza….

from Ansa

3d66e7970e395f3dd0bc5de1fe972526

 

…Marrtino e’ arrivato passeggiando sul tavolo. E’ un robot sviluppato dal gruppo di ricerca della Sapienza guidato da Giorgio Grisetti ed e’ un prototipo low-cost molto versatile. “Si tratta di un carrello con le ruote capace di muoversi da solo. E’ una tecnologia con moltissime possibili applicazioni e attualmente sul mercato se ne possono trovare a prezzi che vanno da poche decine a migliaia di euro…

from NapoliToday

robot...-2

 

…Martino è un robot sviluppato dal gruppo di ricerca della Sapienza guidato da Giorgio Grisetti ed è un prototipo low-cost con molti impieghi. “Si tratta di una base mobile – ha spiegato il ricercatore – ossia un carrello con le ruote capace di muoversi da solo. E’ una tecnologia con moltissime possibilità di applicazioni e attualmente sul mercato se ne possono trovare a prezzi che vanno da poche decine a migliaia di euro’….

from Il Roma